Anna Mazzamauro: «Villaggio mi chiamò “cesso” in tv. Ma prima di morire mi disse: “Quanto sei bella”» – signorina silvani

La «signorina Silvani» si racconta. La crudeltà intelligente di Fantozzi, la rivalità con Pina, la risate con Filini. E poi la vita vera, con un uomo…

Stai guardando: signorina silvani

di

Roberta Scorranese

La «signorina Silvani» si racconta. La crudeltà intelligente di Fantozzi, la rivalità con Pina, la risate con Filini. E poi la vita vera, con un uomo che l’ha ingannata (e derubata)

Anna Mazzamauro vive a Roma. Ci sentiamo per telefono. Tarda mattinata. Anna, buongiorno. «Buongiorno a lei, per me il risveglio è sempre tragico. Faccio tutto di notte, tranne l’amore perché sto sola». È sola da tanto? «L’uomo che amavo mi è stato vicino venticinque anni, poi non ce l’ha fatta più: è morto». È così difficile stare vicino a Anna Mazzamauro? «Non le dico. Io se non salgo su un palcoscenico sono niente, non so dove andare, non so che fare. Ho 83 anni e ho già detto a mia figlia che per la mia bara dovranno usare le tavole di legno del palcoscenico». Infatti lei sta ancora lavorando, in tour con uno spettacolo ispirato alla «sua» Signorina Silvani, la donna amata da Fantozzi e forse uno dei personaggi più trasversalmente popolari della cultura italiana. «Ma lo sa che il provino io lo avevo fatto per interpretare la Pina?» Ma no. «Conoscevo Luciano Salce, il regista. Cercavano una donna molto brutta e lui si ricordò di me. Il problema era che io non sapevo che stessero cercando una cessa, anzi, una “bella atipica”, come dico io, e così mi presentai tutta in tiro, con una cofana di capelli ricci, i tacchi e un vestito rosso attillato. Salce mi guardò perplesso e disse “Anna, ti ricordavo più brutta”. Stavo per perdere la parte quando Paolo (Villaggio, ndr) si avvicinò e bisbigliò al regista: “No, c’è bisogno di una donna che faccia innamorare Fantozzi. Questa è piena di difetti ma li porta sui tacchi”. E così la mia vita cambiò per sempre». Nacque la «signorina Silvani», senza nome di battesimo. Non bella ma furba, sola e disperata, che dice sì a ogni uomo che incontra. Perché? «Ha detto bene, “sola e disperata”. Volevo creare un prototipo di donna che dietro alle continue storie di sesso che cercava, nascondeva una grande miseria. Quando viene eletta Miss Quarto Piano della Megaditta è perché, in realtà, si è concessa a tutti gli uomini del primo, secondo e terzo piano. Ma questo non basta a colmare quella solitudine. Anche quando la fanno sposare con Calboni, per me resta sempre la povera signorina Silvani, che deve fingere di essere incinta con Fantozzi, insomma. Un personaggio tragico che però ha fatto ridere generazioni intere». E poi c’era l’ufficio: nascevano la figura dell’impiegato, i flirt aziendali, le amicizie da scrivania. «Copiavo tutto da mia madre, che era una impiegata al Ministero delle Finanze. La camicetta di seta sotto il maglione, le scarpe col tacco infilate nella borsa e quelle comode per andare in tram. Un tipo di donna che si trasforma all’occorrenza, che sa fare bene le metamorfosi. E così la signorina Silvani era santa e demonia a seconda delle situazioni. I cuoricini, le collanine da pochi soldi, lo sputo nel fard: quelle erano invenzioni mie perché quella donna doveva essere terribile, l’unica che Fantozzi, nella sua miseria morale e materiale, potesse desiderare».

See also  Top 16 search results come fare il rosa carne 2022

Lei ha lavorato vent’anni con Villaggio. Siete diventati amici?

«Mai. Quando gli chiesi perché non ci frequentavamo fuori dal set, mi rispose: “Io frequento solo le persone ricche e famose”. Non sapevo mai quando scherzava o quando mostrava il lato più duro del suo carattere. Come tutte le persone straordinariamente intelligenti, Paolo sapeva essere crudele. In più c’è da considerare che lui era emerso tardi, a quasi quarant’anni: era pervaso da una punta di rancore per tutto quello che aveva dovuto superare prima del successo».

Poi però il successo per lui era arrivato.

«Sì, ma Paolo non era felice. Una volta stavamo girando a Courmayeur mi si avvicinò e mi disse: “Strehler mi vuole con sé nel ruolo del buon soldato Svejk”. Io replicai: “Ottimo, tu sei il buon soldato della Megaditta. Gli dirai di sì, vero?”. Non rispose. Poi non se ne fece nulla: capii che a lui bastava aver ricevuto quella proposta. Era sazio solo perché un grande regista lo aveva chiamato. Sul lavoro era un uomo rispettosissimo: era lui che veniva nella mia roulotte a ripassare la parte, era lui che chiedeva al regista di rifare una scena perché io non ero emersa bene».

Nel privato era comunque gelido.
«Le racconto questo aneddoto. Poco prima di morire, con lui che era già sulla sedia a rotelle, andammo nel salotto televisivo di Barbara d’Urso a raccontare Fantozzi. Quando la conduttrice gli chiese come mi aveva scelta, lui non si scompose e rispose: “Come si sceglie un cesso”. Io allora ribattei secca: “Ma con quel cesso hai guadagnato molto”. Non replicò. Uscimmo dagli studi televisivi. Io mi avvicinai, tirai fuori il libretto di assegni e gli dissi: “Adesso possiamo essere amici?”. Lui non parlò per qualche minuto. Poi mi guardò e mi disse: “Quanto sei bella”. Furono le ultime parole che Paolo mi disse e io capii tutta la sua grandezza, la sua umanità forse nascosta sotto un’apparente crudeltà. Siamo attori, recitiamo sempre».

E con Milena Vukotic, cioè la signora Pina Fantozzi, oggi siete amiche?

«No, per niente. Innanzitutto eravamo rivali, perché lei era la moglie e io l’amante: certo, si recitava, ma non mi ispirava una reale voglia di amicizia. In realtà nessuno riusciva a essere amico di nessuno su quel set. E sa perché? Perché i film di Fantozzi sono straordinari nel trasformare l’ufficio, la famiglia, le relazioni affettive e le amicizie in grandi gironi danteschi. Finivi per aver paura di essere risucchiato in quel gorgo infernale e così evitavi accuratamente tutti i colleghi. Solo con il ragionier Filini io ridevo tanto. Ma esclusivamente tra una scena e l’altra, non fuori dal set».

See also  Abbacchio a scottadito, il piatto delle feste: dove gustarlo a Roma e dintorni

Il grandissimo Gigi Reder.

«Io lo chiamavo Gigi Rider perché sembravamo due ragazzini delle medie: ci facevamo gli scherzi, commentavamo le scene con frasi sconce, insomma ci divertivamo. E Paolo ci guardava sorridendo, secondo me con una punta di invidia: lui era già divo e non poteva permettersi intemperanze da vecchi attori di teatro».

E Mariangela, cioè l’attore Plinio Fernando, com’è?

«Bizzarro. Qualche volta rimaneva con gli abiti da bambina tra una ripresa e l’altra solo per farsi prendere in braccio da qualche ignara comparsa che non si era accorta di coccolare una bambina ma un ragazzo maturo. E molto astuto!»

Anna, chi è stato il grande amore della sua vita?

«Nello Riviè, che conoscevo dai tempi dell’università ma all’epoca non mi filava. Ci siamo ritrovati più tardi e siamo stati insieme fino alla sua morte (nel 2002, ndr.). È stato un grande amore, anche se io non ho mai detto “ti amo” nella mia vita, ogni volta che sento questa espressione mi sembra di essere in un film scadente».

Lo ha mai tradito?

«No, ma mentre stavamo insieme nella mia vita è comparso un uomo. E allora io ho commesso l’errore che commettono molte donne: ho creduto che dietro la natura taciturna di questo signore ci fosse chissà quale profondità morale. Solo in seguito capii che stava zitto perché non aveva nulla da dire. Così all’inizio scattò una specie di dipendenza: io che cercavo di interessarlo regalandogli libri, biglietti del teatro. Lui non accorciava la distanza, restava chiuso nella sua impenetrabilità. Fino a quando non cominciò a chiedermi dei soldi in prestito: prima sei milioni (di vecchie lire, ndr.), poi dieci. Insomma, mi ritrovai ingannata e derubata. Tornai da Nello».

Lui capì?

«Sì, perché comprese che io “mi ero fatta un film”, come si dice a Roma. Avevo semplicemente interpretato il ruolo di una donna che perde la testa per una figura misteriosa, niente di più. Ho fatto l’attrice, sono un’attrice. Punto».

Lei ha interpretato anche Cyrano.

«Perché credo che sia molto femmina come personaggio. Soffre per il suo naso, ma sa bene che con altre qualità, quelle interiori, si possono raggiungere mete inaspettate. Quello che accade a me sul palco: mi sento bellissima, sensuale, libera. Non mi è mai passato per la testa di ritoccarmi il naso o di tirarmi la faccia: ho una chirurgia estetica molto più potente, il teatro. Posso essere tutto, santa e puttana, buona o cattiva, bella o brutta. Quando, ancora oggi, sento che il pubblico alla fine esplode in applausi fragorosi, penso di aver fatto proprio bene a fare l’attrice. E non parlatemi di morte: sono atea, paradiso e inferno sono favole bellissime, ma so anche riconoscere il talento di Dante. Ogni altra storia è una storia scritta male».

See also  Foto Compleanno Spumante - buon compleanno spumante e torta


Vedi ulteriori informazioni relative al contenuto signorina silvani

Fantozzi 🎬 Al Ristorante Giapponese 😄 Tragica cena con la Signorina Silvani 😄

  • Fonte di informazioni: Roberto Di Molfetta
  • Information di pubblicazione: 2016-12-30
  • Rating: four ⭐ ( 5387 Rating )
  • Abbina risultati di ricerca: ► Acquista DVD del Film Fantozzi: https://amzn.to/3jrBqG4
    Fantozzi (Paolo Villaggio) ringiovanito dall’abito, esce con la signorina Silvani e la porta a cena in un ristorante giapponese di nuova apertura…

    fantozzi ristorantegiapponese

    ► Acquista il DVD del Film Fantozzi: https://amzn.to/38ynGnL
    r
    ► Canale YouTube: https://www.youtube.com/user/robertodimor
    ► Tutti i Miei Libri: http://amzn.to/2Dt3gfJr
    ► Sito Internet Roberto Di Molfetta: https://www.robertodimolfetta.it

    Video Divertenti VideoDivertenti

    ISCRIVITI AL MIO CANALE ►
    Film Comici cult 🎬 ed altro ►
    http://bit.ly/Canale-RDM

Anna Mazzamauro signorina Silvani, il suo rapporto con Paolo Villaggio

  • Fonte di informazioni: tvzap.it
  • Rating: four ⭐ ( 9421 Rating )
  • Abbina risultati di ricerca: Anna Mazzamauro signorina Silvani

Birra Ofelia: Artigianale italiana

  • Fonte di informazioni: birraofelia.it
  • Rating: three ⭐ ( 2439 Rating )
  • Abbina risultati di ricerca: La signorina Silvani  è la “rossa” che fa impazzire il ragionier Fantozzi. Miss quarto piano (ufficio sinistri)  fa perdere la testa grazie alla sua arrogante dolcezza e aggressiva indole. RICONOSCIMENTI: Birra imperdibile nella Guida alle birre d’Italia 2021 di Slow Meals Acquistabile in cartone da 16×33 cl o 12×50 cl. Puoi anche comporre la tua scatola di Birre Ofelia diverse con un Choose & Mix da 12 bottiglie da 50 cl o da 16 bottiglie da 33 cl.

Anna Mazzamauro: “La Signorina Silvani? Io avrei dovuto interpretare Pina”

  • Fonte di informazioni: movieplayer.it
  • Rating: four ⭐ ( 6476 Rating )
  • Abbina risultati di ricerca: Anna Mazzamauro ha recentemente rivelato che, almeno inizialmente, avrebbe dovuto interpretare il ruolo di Pina nei film di Fantozzi e non quello della celebre Signorina Silvani.

Anna Mazzamauro: “Paolo Villaggio sapeva essere crudele, mi chiamò cesso in tv”

  • Fonte di informazioni: www.ildigitale.it
  • Rating: five ⭐ ( 4906 Rating )
  • Abbina risultati di ricerca: Anna Mazzamauro, la mitica “Signorina Silvani” delle avventure di Ugo Fantozzi, si è raccontata in una lunga intervista per Il Corriere della Sera.

Anna Mazzamauro: “Villaggio mi chiamò cesso in tv, ma le ultime parole furono ‘Quanto sei bella’”

  • Fonte di informazioni: www.fanpage.it
  • Rating: five ⭐ ( 4776 Rating )
  • Abbina risultati di ricerca: Anna Mazzamauro, intervistata dal Corriere della Sera, ha parlato della sua carriera e della sua vita privata, spaziando dal ruolo della Signorina Silvani

Anna Mazzamauro, la signorina Silvani e il rapporto con Paolo Villaggio: «Mai stati amici. Ecco cosa mi disse un giorno»

  • Fonte di informazioni: www.leggo.it
  • Rating: five ⭐ ( 9818 Rating )
  • Abbina risultati di ricerca: «Ma prima di morire mi disse: ‘Come sei bella’»

Vedi altri articoli in questa categoria: Ricetta