Ecodoppler: a cosa serve e quando farlo? – ecodoppler gambe

Ecodoppler è un esame molto utile per studiare la circolazione venosa e la funzionalità dei vasi sanguigni. Quando farlo e quanto costa

Stai guardando: ecodoppler gambe

L’ecografia Doppler, o più semplicemente ecodoppler è un esame molto utile per avere informazioni dettagliate sulla morfologia e la funzionalità dei vasi sanguigni. In poche parole, questo tipo di esame ti permette di studiare la circolazione venosa e arteriosa attraverso una semplice ecografia per valutare lo stato dei vasi sanguigni e del flusso di sangue al loro interno.

L’ecodoppler è un esame rapido (circa 15-30 minuti) e non invasivo che valuta la velocità e la direzione del flusso sanguigno. Inoltre, consente di evidenziare numerose malattie cardiache e vascolari, sia negli adulti sia nei bambini.

Eseguire l’ecodoppler non comporta nessun dolore o fastidio. Andiamo a vedere nel dettaglio come funziona, a cosa serve e quando è consigliato eseguirlo.

Cos’è l’ecodoppler?

Il nome corretto e completo di questo esame è Eco-Colour-Doppler, un nome che deriva in parte dal lavoro di Johann Christian Doppler, un professore di matematica della scuola secondaria di Praga, il quale pubblicò nel 1842 il lavoro ”Sulla luce colorata delle stelle doppie e di certi altri astri celesti.” In questo studio il professor Doppler descrive quello che poi verrà conosciuto come “Effetto Doppler”.

Il macchinario per eseguire l’ecodoppler è un ecografo, ossia uno strumento in grado di ricavare un’immagine utilizzando e analizzando gli ultrasuoni, cioè onde meccaniche di frequenza superiore ai 20KHz.

L’immagine è generata dall’ecografo sfruttando le proprietà fisiche e l’interazione biologica degli ultrasuoni. Nella sonda ecografica, ci sono dei cristalli che, quando sono attraversati da corrente elettrica, generano onde ultrasonore che attraversano le varie strutture anatomiche. Le immagini si formano dal segnale eco-riflesso dalle strutture anatomiche: con parole più semplici, gli ultrasuoni emessi dalla sonda sono riflessi dal sangue in movimento, con una frequenza diversa da quella di emissione e proporzionale alla velocità di scorrimento.

Annuncio pubblicitario

Ecco perché l’ecodoppler fornisce informazioni preziose sulla velocità del flusso sanguigno e sulla sua direzione.

Differenze tra ecodoppler ed ecocolordoppler

Ci sono due tipi di ecodoppler:

  1. Ad onda continua, in cui la ricezione ed emissione degli ultrasuoni è continua e permette di misurare con precisione anche flussi ad alta velocità
  2. Pulsato, in cui i fasci di ultrasuoni sono emessi e ricevuti a tempi alterni. Il vantaggio di questa tecnica è che permette di misurare la velocità dei flussi a una profondità stabilita e anche di localizzare la struttura anatomica che li genera.

La metodologia pulsata ha fatto un passo avanti con l’avvento dell’ecocolordoppler, che permette di ottenere informazioni ancora più precise sul flusso sanguigno, grazie alla produzione di immagini a colori, con spettro cromatico che va dal rosso al blu.

L’ecodoppler è un esame diagnostico di primo livello, riproducibile e a basso costo. Inoltre, può essere ripetuto frequentemente senza controindicazioni.

Ecodoppler: A cosa serve

L’ecodoppler serve per studiare tutto il sistema circolatorio. Fornisce immagini in bianco e nero o a colori (rosso e blu) dei flussi venosi e arteriosi. Inoltre, evidenzia anche le più piccole lesioni dei vasi e permette così una precisa valutazione dell’entità del danno.

Può essere molto utile per valutare le principali malattie vascolari:

  • aneurismi
  • trombosi
  • insufficienze venose
  • individuare lesioni aterosclerotiche, ovvero quelle placche che ostruiscono il flusso del sangue e possono causare trombi venosi.

Dunque, questo esame è indicato per il controllo dello stato di salute di vene e arterie in alcune patologie sospette.. E’ consigliato, in particolare per soggetti a rischio di:

Annuncio pubblicitario

  • malattie cardiocircolatorie
  • diabetici
  • persone con alta familiarità di patologie arteriose e venose.

Come si svolge

L’ecodoppler viene normalmente effettuato in ambulatorio, in alcuni casi in posizione distesa e in altri con il paziente in piedi. La parte del corpo che deve essere esaminata viene cosparsa di un gel specifico, che serve a interporre una sostanza eco-trasmettente tra pelle e sonda, perché l’aria non permette il passaggio degli ultrasuoni. La sonda appoggiata sulla parte da esaminare permette di ottenere immagini su uno schermo collegato.

È un esame molto sicuro che utilizza ultrasuoni e non radiazioni, quindi non causa alcun tipo di effetto collaterale.

Ecodoppler: quanto costa

Dal momento che l’ecodoppler è un esame che viene effettuato in diverse modalità, il costo varia a seconda della tipologia di indagine.

In generale, possiamo dire che eseguendo l’esame privatamente, il costo sarà compreso tra gli 80 e i 200 euro, con una media intorno ai 120 euro.

Quali parti del corpo possono essere esaminate con l’ecodoppler

L’ecocolordoppler può essere eseguito su diverse parti del corpo, a seconda della patologia che si vuole indagare.

Ecocolordoppler dei tronchi sovraortici (TSA)

In questo caso, si studiano i principali vasi che portano il sangue al cervello:

Annuncio pubblicitario

  • arterie carotidi e vertebrali.

Questo esame serve per verificare o meno la presenza di placche a livello della biforcazione carotidea e a livello della carotide interna. Questo tipo di placche sono una delle result in dell’ictus ischemico.

Perché farlo

È consigliato per chi ha familiarità o fattori di rischio, che predispongono alla comparsa di malattie cardiovascolari (fumo, diabete, ipercolesterolemia e ipertensione), soprattutto dai 50 anni in poi.

L’esame dura circa 20 minuti e non prevede alcuna preparazione.

Ecocolordoppler dell’aorta addominale

L’aorta è la più grande e importante arteria dell’organismo, parte dal ventricolo sinistro del cuore, attraversa il torace e trasporta il sangue ossigenato nell’addome e a tutti gli organi.

L’ecocolordoppler dell’aorta addominale permette di verificare la presenza di placche a livello dell’aorta o delle arterie iliache. Inoltre, consente di indagare eventuale presenza di stenosi delle arterie renali. Le stenosi sono responsabili di forme d’ipertensione arteriosa resistente alla terapia farmacologica e, a lungo termine, anche d’insufficienza renale.

Infine, questo esame è utile a valutare la presenza di possibili aneurismi dell’aorta addominale, cioè delle dilatazioni del vaso che possono essere causa di rotture e successive emorragie addominali.

Annuncio pubblicitario

Perché farlo

Questo esame è specificatamente indicato per persone appartenenti a categorie a rischio, come:

  • adulti ultrasessantenni
  • soggetti in sovrappeso
  • fumatori
  • persone affette da ipertensione
  • cardiopatici
  • ipercolesterolemici
  • aterosclerotici.

Inoltre, è consigliato anche per chi abbia familiarità, ovvero familiari di primo grado affetti da tali patologie.

Per effettuare l’esame, che solitamente dura un tempo inferiore ai 30 minuti, è necessario essere a digiuno nelle six ore precedenti ed effettuare una dieta a basso contenuto di scorie  nei tre giorni precedenti l’esame.

Ecocolordoppler arterie renali

In questo caso l’indagine si svolge sulle arterie renali, così da verificarne il flusso e la morfologia.

L’esame permette di studiare più di un parametro, tra cui la velocità e la direzione (studio funzionale) o il diametro e lo spessore della parete delle arterie (studio morfologico). Inoltre, permette di fare un’indagine su eventuali stenosi delle arterie renali e di valutare la flussimetria renale.

Perché farlo

Questo tipo di esame è consigliato in quei casi in cui ci sia un paziente giovane affetto da ipertensione arteriosa, così come in tutti i casi in cui un paziente trattato farmacologicamente per la pressione alta, non ottenga buoni risultati con la terapia.

Annuncio pubblicitario

Prima di eseguire un ecocolordoppler alle arterie renali, è bene seguire una dieta leggera e consultare il medico in caso si assumano dei farmaci.

Ecocolordoppler degli arti inferiori

L’ecodoppler degli arti inferiori permette di valutare la funzionalità delle vene delle gambe e l’eventuale presenza di ostruzioni (trombi). Inoltre, consente di esaminare la direzione del flusso del sangue, verificando eventuale continenza venosa o incontinenza, ovvero un andamento inverso rispetto al normale (reflusso).

L’ecodoppler degli arti inferiori può essere:

  1. Venoso. Valuta la presenza di trombosi superficiali o profonde dei vasi delle gambe, oltre alla presenza d’incontinenza venosa a carico delle vene superficiali delle gambe, responsabili di varici. L’insufficienza o incontinenza venosa è quella condizione per cui la circolazione del sangue verso l’alto è difficoltosa e causa gambe gonfie, vene dilatate e sfiancate (varicose).
  2. Arterioso. Valuta la presenza di stenosi, ostruzioni e dilatazioni aneurismatiche a carico dei vasi arteriosi delle gambe.

Perché farlo

Quello arterioso è consigliato per persone con gli stessi fattori di rischio elencati nei due casi precedenti, mentre l’ecodoppler venoso quando si accusano i sintomi tipici dei problemi circolatori, come gonfiori, pruriti, edemi e vene varicose.

Questo esame viene eseguito in posizione distesa (quello venoso può anche essere effettuato in piedi), senza alcun tipo di preparazione e ha una durata di circa 15-20 minuti.

Ecocolordoppler cardiaco

L’ecodoppler cardiaco si effettua per esaminare la funzionalità cardiaca e valvolare, così come per verificare la presenza di dilatazioni aneurismatiche dell’aorta..

Annuncio pubblicitario

Infatti, l’ecografo trasmette in tempo reale le immagini del cuore, consentendo così di valutarne la struttura, la contrattilità e anche quella delle valvole cardiache.

Inoltre, permette anche di visualizzare la velocità del flusso del sangue.

Perché farlo

È un esame consigliato a chi è già stato colpito da malattie cardiache, a chi ha familiarità con malattie cardiovascolari genetiche e alle persone a cui è già stato prescritto uno degli esami precedentemente descritti.  

In generale è un esame poco invasivo a cui andrebbero sottoposti tutti i neonati come screening di malattie cardiovascolari congenite e le persone sopra i 50 anni o sportive.

Non esitare a contattare il medico di famiglia in caso di:

  • tachicardia
  • mancanza di aria
  • dolore toracico
  • affaticamento al minimo sforzo.

La sua durata è di circa 20 minuti e per effettuarlo non è necessaria alcuna preparazione.

Ecocolordoppler testicolare

L’ecocolordoppler testicolare permette uno studio della componente vascolare del testicolo e del funicolo spermatico. E’ un esame molto usato per individuare il varicocele – la dilatazione dei vasi che drenano il sangue dal testicolo verso il cuore – una delle patologie che rappresenta la causa di infertilità maschile più curabile.

Annuncio pubblicitario

L’indagine con ecodoppler mostra i vasi sanguigni dei testicoli ed è una metodica non invasiva, indispensabile per rilevare problemi venosi, come un varicocele allo stadio iniziale o di modesta entità, che non potrebbe essere individuato con un semplice esame clinico.

Perché farlo

Può essere consigliato durante l’adolescenza, perché in età puberale rappresenta un valido strumento per la verifica del regolare sviluppo degli organi genitali maschili. Oppure in caso di sospetto varicocele.

L’esame è indolore, non è prevista alcuna preparazione e ha una durata di circa 15 minuti. Va eseguito sia in posizione distesa, sia in piedi dopo opportuna manovra da sforzo (Manovra di Valsalva), nel caso il medico lo ritenga necessario.

Ecocolordoppler ginecologico transvaginale

È un esame ecografico dell’apparato genitale femminile che consente lo studio della vascolarizzazione delle masse ginecologiche, così da predirne la velocità di crescita nel tempo e da ipotizzarne la natura.

Attraverso lo studio della vascolarizzazione delle lesioni sospette, è possibile infatti un’alta accuratezza diagnostica, applicabile nei casi di cisti ovariche o fibromi. Lo studio della vascolarizzazione uterina è anche un elemento importante per indagare le capacità gestazionali della paziente nei casi di sterilità e/o poliabortività.

Perché farlo

Per lo studio e l’individuazione di cisti ovariche o fibromi, possibili malformazioni uterine, patologie endocavitarie come ad esempio i polipi, o in caso di dolori addominali, irregolarità del ciclo mestruale o come prevenzione in pazienti asintomatiche.

Annuncio pubblicitario

L’esame avviene per through endovaginale, attraverso una sonda rivestita da involucro sterile monouso cosparso di gel, posizionata a contatto con il collo dell’utero. Non richiede alcuna preparazione, se non l’assenza di ciclo mestruale.

L’esame è indolore e può durare dai ten ai 20 minuti.

Ecocolordoppler transcranico

Questo esame, non di routine, ma richiesto esclusivamente per particolari quesiti diagnostici, viene usato per studiare il circolo cerebrale. Generalmente viene eseguito su indicazione neurologica, per valutare la presenza di microemboli.

Attraverso l’ecodoppler transcranico, si può studiare la direzione e la velocità del flusso sanguigno a livello cerebrale, così da evidenziare eventuali restringimenti od occlusioni delle arterie cerebrali, oltre al passaggio di microemboli nella circolazione cerebrale. A differenza dell’ecodoppler dei vasi extracranici, che valuta il flusso del sangue verso il cervello, quello transcranico valuta la circolazione all’interno del cervello.

Non può essere considerato sostitutivo dell’ecodoppler dei tronchi sovraortici (TSA), ma piuttosto un completamento. Infatti, lo studio intracranico da solo, non è sufficiente per riconoscere problemi delle carotidi e va eseguito insieme, o successivamente, all’esame doppler TSA per avere una valutazione completa.

Perché farlo

È usato per studiare eventuali piccole embolie che si formano in maniera praticamente continuativa in alcuni pazienti, come ad esempio i portatori di protesi meccaniche cardiache o nelle persone con patologia aterosclerotica carotidea.

Recentemente si è iniziato a usare l’ecocolordoppler transcranico nelle persone con episodi cerebrovascolari, quando c’è il sospetto che la malattia origini dal cuore. Solitamente si tratta di soggetti giovani, nei quali si può escludere la causa aterosclerotica della malattia cerebrovascolare.

Annuncio pubblicitario

L’ecocolordoppler transcranico dura mediamente 30 minuti. Non è né pericoloso, né doloroso e non prevede alcuna preparazione specifica. Anche l’eventuale utilizzazione del mezzo di contrasto – come nel caso dei soggetti giovani con sospetto di patologia originata dal cuore – è solitamente innocua.

Lettura e interpretazione degli esami

Come precedentemente spiegato, l’ecodoppler è un esame effettuato attraverso un ecografo, strumento in grado di ricavare un’immagine colorata (rossa e blu), utilizzando e analizzando gli ultrasuoni. Quindi, il risultato dell’esame sarà una ricostruzione computerizzata del flusso sanguigno all’interno dei vasi e degli organi interni.

L’interpretazione dell’esame viene fatta proprio analizzando come appaia l’immagine e i suoi colori.

Per fare un esempio, un blu molto intenso è indice di un flusso venoso molto veloce e scorrevole, mentre un rosso molto intenso indica le stesse caratteristiche ma per il flusso arterioso.

Un immagine con effetto mosaico colorato all’interno di un vaso, suggerisce la possibilità di presenza di un restringimento nel vaso (stenosi), che infatti causa un flusso sanguigno turbolento e meno scorrevole.

Ricorda comunque che, per avere una corretta e precisa interpretazione dei risultatati, è opportuno far visionare l’esame a uno specialista.

Limiti dell’ecodoppler

I limiti dell’ecodoppler sono essenzialmente legati alla tecnica d’indagine, motivo per cui a volte è necessario integrare questo esame con un’indagine di secondo livello (come Angio TAC e Angio RMN).

Annuncio pubblicitario

Ad esempio, dove ci sono tessuti ad alto contenuto di calcio che ostacolano il passaggio del segnale, alcune informazioni sulle arterie e sul movimento del sangue al loro interno possono rimanere nascoste allo specialista. In questi casi, l’iter diagnostico richiede quindi anche l’esecuzione di altri esami, come la risonanza magnetica o l’Angio TAC.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Condividilo su Pinterest.


Vedi ulteriori informazioni relative al contenuto ecodoppler gambe

Una varice “safenica” ad origine non safenica – la cartografia

  • Fonte di informazioni: Stefano Ermini
  • Information di pubblicazione: 2010-02-04
  • Rating: four ⭐ ( 6056 Rating )
  • Abbina risultati di ricerca: Descrizione di una cartografia ecodoppler.

In cosa consiste l’esame?

  • Fonte di informazioni: www.materdomini.it
  • Rating: three ⭐ ( 2521 Rating )
  • Abbina risultati di ricerca: Quali sono le result in del Ecocolordoppler venoso? Ci sono rischi o controindicazioni? A Cosa serve l’Ecocolordoppler venoso? Chiariamo ogni dubbio.

Ecocolordoppler: perché farlo

  • Fonte di informazioni: www.issalute.it
  • Rating: four ⭐ ( 1526 Rating )
  • Abbina risultati di ricerca: L’ecocolordoppler è un esame non invasivo e rapido che create delle immagini a colori dei principali vasi in cui scorre il sangue e che irrorano gli organi del corpo

Ecocolordoppler Venoso Arti Inferiori: cos’è e strutture specializzate

  • Fonte di informazioni: www.gvmnet.it
  • Rating: five ⭐ ( 7464 Rating )
  • Abbina risultati di ricerca: L’Ecocolordoppler Venoso Arti Inferiori è un esame di primo livello indolore e non invasivo che viene eseguito per individuare alterazioni delle vene che scorrono nelle gambe e per studiare il flusso sanguigno al loro interno. Scopri di più su GVM.

Ecocolordoppler: cos’è e per quali patologie è utile farlo

  • Fonte di informazioni: magazine.clinicasanfrancesco.it
  • Rating: three ⭐ ( 9229 Rating )
  • Abbina risultati di ricerca: Un esame non invasivo che consente di esaminare attraverso l’ecografo lo stato di salute dei principali vasi sanguigni e prevenire ictus e aneurismi.

Ecodoppler arti inferiori: quando eseguirlo?

  • Fonte di informazioni: www.federicotosato.it
  • Rating: five ⭐ ( 2709 Rating )
  • Abbina risultati di ricerca: L’ecodoppler arterioso degli arti inferiori serve ad escludere problemi di circolazione, ma va sempre interpretato dallo specialista

Vedi altri articoli in questa categoria: Ricetta

See also  Sbriciolata di mele senza glutine senza burro: la ricetta - sbriciolata di mele senza burro