Il compositore di Doom Eternal afferma che la colonna sonora era un “incubo”

[ad_1]

Doom Guy posa come Cloud Strife dalla box art di Final Fantasy VII Remake.

Immagine: Bethesda/Microsoft

In un post medio lungo di 14.000 parole, Destino eterno il compositore Mick Gordon ha accusato il produttore esecutivo di id Software Marty Stratton di aver mentito l’uscita scadente della colonna sonora ufficiale e gettandolo sotto l’autobus come causa delle sue tracce mal mescolate.

Secondo Gordon, lavorando alla colonna sonora di Destino eterno è stato un incubo dall’inizio alla fine; sia quando si lavora al gioco stesso, anche per 11 mesi senza retribuzione; e più tardi, quando afferma che id Software ha annunciato a sorpresa che un album OST sarebbe stato incluso nella Collector’s Edition del gioco senza prima informare Gordon di eventuali piani per un progetto del genere. Nel suo nuovo post, Gordon ha detto che ha dovuto lavorare da 18 a 20 ore al giorno per rispettare la scadenza dell’ID per l’OST.

Gordon afferma di non aver potuto ascoltare la colonna sonora finale fino alla sua uscita e ha affermato che i risultati del “montaggio incauto” della OST e i suoi “evidenti difetti tecnici, errori ed errori” lo hanno lasciato sbalordito.

“Oltre ai miei contributi diretti c’erano altre 47 tracce realizzate montando male frammenti e pezzi presi dalla mia colonna sonora di gioco”, ha scritto. “Hanno mostrato lo stesso disprezzo sconsiderato per i fondamenti della musica di base che ha afflitto le modifiche preliminari che id Software mi ha mostrato una settimana prima”.

Inoltre, Gordon afferma di:

  • Mai approvato l’uscita della colonna sonora
  • Non è stato pagato fino a quando aveva otto mesi per la sua produzione
  • Non è stato informato che avrebbe lavorato alla colonna sonora fino a quando Destino eternoLa Collector’s Edition è stata pubblicizzata al pubblico
  • Stratton gli ha offerto una “somma a sei cifre” per tacere sulla questione

Destino eternoOST di 59 tracce era segnato da polemiche nel 2020. Quando si è diffusa la voce che Gordon ha mixato solo 11 o giù di lì delle 59 tracce per la Collector’s Edition del gioco, i fan hanno notato che le tracce del gioco suonavano “piatte” rispetto alla qualità del lavoro trovata nei precedenti lavori di Gordon. Ciò ha portato a campagne di molestie contro il progettista audio principale di id, Chad Mossholder, la persona accreditata sui brani con cui i fan si sono lamentati.

In difesa di Mossholder, l’ha fatto il produttore Stratton un lungo post su Reddit nel maggio di quell’anno, sostenendo che un fallimento da parte di Gordon nel presentare la sua musica in tempo avrebbe portato ai molteplici ritardi della OST, lasciando Mossholder a riprendere i pezzi con le quattro dozzine di altre tracce della OST. Stratton ha concluso il suo post dicendo che la società non lavorerà con Gordon per Destino eterno‘s DLC e gli auguro buona fortuna per i suoi impegni futuri.

Nel blog di Medium di oggi, Gordon afferma che lui e Stratton hanno discusso delle sue preoccupazioni per il rilascio pasticciato dell’OST durante una chiamata Skype in cui le tensioni sono ribollenti.

“Dopo aver passato un po’ di tempo a rimproverarmi per la mia mancanza di sostegno pubblico, ha accusato il fallimento dell’OST è stata interamente colpa mia”, sostiene Gordon. “Ho ribattuto che non era una mia decisione includere 47 tracce montate male. Non avevo nemmeno sentito il loro ultimo album prima dell’uscita. Mi ha accusato direttamente di non essere riuscito ad assumermi la responsabilità e ha insistito sul fatto che mi assumessi la piena responsabilità pubblica. Ho ribattuto che non c’era assolutamente modo di prendersi la colpa per qualcosa che non avevo fatto.

Nonostante presumibilmente abbia chiarito l’aria con uno alla fine della chiamata e, su suggerimento di Stratton, abbia accettato di pubblicare una dichiarazione congiunta sui piani per riparare l’album, Gordon dice che Stratton ha deciso di pubblicare il suo post su Reddit ampiamente visto che incolpava le condizioni poco brillanti dell’OST in gran parte su Gordon.

“Il post di Marty ha avuto un grave impatto sulla mia reputazione professionale e personale. Nel rilasciare questa dichiarazione, sto esercitando il mio diritto a difendermi”, Gordon ha scritto oggi su Twitter. “Si tratta di una difesa, non di un attacco non provocato, emesso con estrema riluttanza solo dopo che tutti gli altri tentativi di risolvere la questione sono falliti”.

Kotaku contattato Bethesda per un commento.

“Questa affermazione non è una scusa per una campagna di odio”, Gordon ha scritto alla fine del suo thread su Twitter. “Gli atti di odio diffusi online non comporteranno alcun cambiamento positivo. Non fa che peggiorare le cose”.



[ad_2]

See also  Ho suonato 4 Hours Of God of War Ragnarök & They Were Rock Solid