SuperBonus 110% semplificato: proroga fino al 2023 e CILA! – superbonus 110 proroga 2023

Confermate le indiscrezioni che vogliono un procedimento più snello per il superbonus 110%, con la sola necessità del CILA e proroga fino al 2023!

Stai guardando: superbonus 110 proroga 2023

Tempo di Lettura:

six

minuti

Confermato fino al 2023 il Superbonus 110%, consentendo anche di continuare a sfruttare tutte le varie modalità di fruizione del bonus: detrazione Irpef, sconto in fattura e cessione del credito. Misura rinnovata da cima a fondo, estendendo la platea dei beneficiari, rendendo meno vincolanti i requisiti di accesso e semplificando la procedura di richiesta che risulta spesso farraginosa.

La semplificazione prevede difatti che gli interventi che rientrano sotto l’incentivo del superbonus vengano considerati manutenzione straordinaria, venendo quindi realizzati tramite comunicazione di inizio lavori asseverata: viene infatti introdotta la CILA – Superbonus, la comunicazione unica che renderà più snella la procedura burocratica legata al Superbonus. Anche per quanto riguarda i lavori trananti e trainati vengono previste delle modifiche, in modo che possano essere inclusi nel superbonus con meno requisiti a cui ottemperare.

È prevista l’esclusione dall’elenco dei lavori dei soli interventi di demolizione e ricostruzione edile: ecco come il governo italiano sta semplificando il Superbonus 110%, permettendo un più semplice accesso all’incentivo più trainante ed interessante per l’edilizia! Vediamo nei dettagli le novità che riguardano il Superbonus 110% semplificato.

Pronota una consulenza TECNICA SPECIALIZZATA con il nostro esperto!

  • Seleziona un giorno di tuo gradimento

  • Scegli un orario comodo per te

  • Prenota la tua consulenza specializzata!

Superbonus 110%: Perché lo Stato sta pagando le ristrutturazioni agli italiani

È un quesito che molti si sono posti: perché lo Stato dovrebbe prolungare e promuovere una manovra dove viene praticamente rimborsato l’intero ammontare delle spese di ristrutturazione OLTRE ad un ulteriore ten%? Cosa ci guadagna il Governo Italiano? La risposta la possiamo dedurre da due sigle che probabilmente abbiamo sentito ripetere spesso: Nadef e PNRR. Di cosa si tratta? Nadef sta per Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza, relativa all’anno 2021. Mentre il PNRR si riferisce al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Stiamo qui parlando di accordi che inglobano una volontà comune europea: migliorare l’efficienza energetica delle proprie strutture edili, nella misura del 50% minimo, entro l’anno 2025. È un obiettivo previsto anche in vista dei fondi ricevuti dalla comunità europea in merito di Recovery Located, messi a disposizione durante questo periodo di grave crisi.

Per incentivare questa ripresa edile c’è bisogno di un numero considerevole di investimenti, che non possono essere sostenuti completamente dagli italiani con le sole loro forze. Questi lavori di riqualificazione energetica e di ristrutturazione, generalmente costosi, possono essere coperti proprio da misure come il Superbonus 110%: quindi il Superbonus è l’unico mezzo in questo periodo di crisi economica di poter raggiungere l’obiettivo prefisso dal PNRR di riqualificazione energetica del parco edifici italiano.

Superbonus 110 proroga per il 2022 e per il 2023: quando e come

L’obiettivo italiano di efficientare il parco degli edifici pubblici per almeno il 50% entro il 2025 deve per forza basarsi sulla misura più incentivante degli ultimi anni, il Superbonus 110%: una misura che permette di raggiungere un efficientazione energetica sugli immobili ristrutturati. È necessario però che questa misuri continui a fornire il proprio apporto per aziende e privati: difatti anche solo anticipare i costi per poi richiedere una restituzione tramite detrazioni Irpef potrebbe essere una misura non sostenibile per tutti i cittadini, specie in una situazione critica come quella affrontata negli ultimi anni.

Ecco spiegati i motivi della proroga Superbonus 110 per tutto il 2022 e in alcuni casi anche fino al 2023, confermando anche lo sconto in fattura e la cessione del credito. Quando e per quali casistiche l’incentivo viene esteso fino al 2023? Quando invece fino al 2022?

Il recente Decreto Semplificazioni, approvato recentemente per mettere in atto tutte le iniziative sancite dal PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) permette di fissare le nuove scadenze del Superbonus 110%:

ScadenzaA chi è rivoltoProroga30 giugno 2023Istituti case popolari (IACP)31 dicembre 2023 se completato il 60% dei lavori entro il 30 giugno 202331 dicembre 2022Edifici condominiali
30 giugno 2022Edifici unifamiliari
30 giugno 2022Edifici condominiali con unico proprietario e con four unità immobiliari massimo31 dicembre 2023 se completato il 60% dei lavori entro il 30 giugno 2023

L’ufficialità di tali condizioni sarà confermata a fine anno, in occasione della pubblicazione della prossima Legge di Bilancio 2022.

Superbonus 110 come funziona

Come spiegato in dettaglio nella nostra guida al Superbonus 110%, gli interventi che vengono inclusi nel maxi incentivo sono di two nature differenti: interventi trainanti e interventi trainati. La differenza sostanziale sta in questo semplice concetto: in presenza di un lavoro trainante o principale si potrà avere accesso al Superbonus e vi si potrà connettere anche un lavoro trainato o secondario. Ma se ci si troverà in presenza di un solo lavoro trainato o secondario, la detrazione non sarà disponibile: sarà necessario includere nel arranging di ristrutturazione un intervento principale.

Gli interventi trainanti o principali includono:

Fra gli interventi secondari o trainati includiamo:

  • Efficientamento energetico
  • Abbattimento delle barriere architettoniche
  • Installazione di pannelli solari
  • Installazione di stazioni di ricarica per veicoli elettrici
  • Sostituzione degli infissi.

Vedi anche

Sconto in fattura, detrazione Irpef o Cessione del credito?

Come orientarsi quando si tratta di scegliere fra le modalità di detrazione del Superbonus 110%? Analizziamo le differenze fra sconto in fattura, detrazione e cessione del credito.

Detrazione Irpef: in questo caso si dovranno pagare tutti gli interventi nella loro interessa per poi ricevere indietro il 110% della spesa affrontata sotto forma di sconto sulle tasse da pagare, uno sconto che equivarrà al 110% delle spese sostenute appunto e che verrà ripartito equamente in un lasso di tempo di five anni.

Sconto in fattura: tramite questa opzione il cliente non dovrà anticipare la spesa ma sarà l’impresa che anticiperà i costi, ricevendo successivamente la restituzione del 110% delle spese tramite credito di imposta. Si tratta sicuramente della opzione più comoda o vantaggiosa ma sarà necessario accordarsi con un’azienda disposta ad anticipare i costi.

Cessione del credito: qui invece si tratta di cedere il proprio credito maturato presso lo Stato ad un istituto di credito, finanziario o una banca. Tale prassi può essere avviata sia dal proprietario dell’azienda che effettua i lavori che dal proprietario dell’immobile.

CILA-Superbonus: il modulo unico per la comunicazione dei lavori

Come spiegato nella nostra guida al superbonus, una delle difficoltà ricorrenti di questo incentivo era rappresentata sicuramente dall’elevato numero di requisiti e lungaggini burocratiche che si dovevano sostenere. Basti considerare la stima che circa il ten% dei richiedenti abbiano potuto beneficiare della misura per comprendere quanto complessa fosse la procedura legata al superbonus.

Il Decreto Semplificazioni aveva proprio la mira di alleggerire e semplificare alcune delle process di validazione, come per esempio l’eliminazione relativa allo stato legittimo dell’immobile, sostituito appunto con la CILA (Comunicazione Inizio Lavoro Asseverata).

Grazie al Decreto Recovery (un DL che unisce il DL Governance ed il DL Semplificazioni) entra in vigore questa semplificazione, che quindi si riassume alla necessità della sola CILA per l’avvio dei lavori, anche per gli interventi strutturali degli edifici o dei prospetti.

Nel caso specifico del superbonus ci si riferisce alla CILA-Superbonus, un modello unico da usare in tutta Italia da utilizzare per tutti gli interventi legati ed inclusi nel Superbonus 110%. Dovrà ovviamente essere redatto da un professionista e restano valevoli le successive valutazioni e segnalazioni in caso di irregolarità nelle dichiarazioni.

Altre novità: per opere di cosiddetta edilizia libera sarà sufficiente la sola descrizione dell’intervento le variazioni apportate in corso d’opera richiederanno una comunicazione post lavori integrando la CILA presentata inizialmente. Decade inoltre la necessità di presentare l’agibilità, essendo tali interventi concepiti per il miglioramento dell’efficientamento antisismico e di quello energetico.

Decade anche l’obbligo della dichiarazione di conformità urbanistica per opere di intervento strutturale, come per interventi per il rifacimento del tetto, solaio o scale (dichiarazione richiesta in caso di Superbonus 110% o di Sismabonus). Per quanto riguarda invece cappotto termico e cordolo anti-sismico d’ora in poi tali interventi andranno in deroga alle distanze minime fra edifici previste per legge. Nota a margine anche per il fotovoltaico che ora potrà essere installato all’interno di centri storici, specificamente all’interno delle “zone A” individuate dai Comuni successive al 1968: dovrà però trattarsi di un intervento installante pannelli integrati e non riflettenti non snaturanti i paesaggio.

Per quanto riguarda, invece, i lavori trainati, ci sono novità per quanto riguarda gli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche, che possono essere realizzati anche in palazzine dove non abitino persone disabili: sarà sufficiente che risieda anche un solo inquilino che abbia almeno 65 anni di età. Un altro intervento trainato interessato dalla semplificazione è quello che riguarda il fotovoltaico, che ora concede l’installazione di pannelli fotovoltaici integrati e non riflettenti (questa essendo una condizione inderogabile) anche su edifici siti nella zona A del centro storico.

Ulteriore novità è quella rappresentata dalle tempistiche dilatate concesse a chi dovrà trasferire la propria residenza nel comune dell’immobile acquistato: in caso di acquisto si un edificio oggetto di interventi di ristrutturazione incentivati al 110% le tempistiche passano da 18 a 30 mesi, con un’imposta di registro ridotta del two%.

Cosa indicare nella CILA

Dovranno essere comunicati gli estremi del permesso di costruzione o del provvedimento legittimante l’immobile. In caso di edifici più antichi sarà sufficiente la dichiarazione attestante che i lavoro di costruzione dell’immobile siano stati completati prima del 1 settembre 1967. Ad ogni modo decade l’attestazione di stato legittimo, che si rivelava essere una delle pratiche più complesse ed onerose dell’intero iter.

Il “boost” prodotto in termini di tempistiche è notevole, risparmiando notevoli tempistiche tecniche necessarie ad ottenere la documentazione degli archivi edilizi dei Comuni (rappresentato in media da circa three mesi di attesa per ogni immobile). Una considerazione deve essere fatta anche per quel che riguarda il risparmio economico: la stima del risparmio di spesa per adempimenti burocratici è di circa 110 milioni di €, cifra da reinvestire nella spesa produttiva, in progettazione e realizzazione degli interventi.

Superbonus 110%: aumentano i beneficiari

Ulteriore novità del Superbonus 110% Semplificato è la possibilità di ammettere nuove categorie catastali che possono usufruire del provvedimento: vengono inclusi ora gli edifici in B/1, B/two e D/four, che si riferiscono ad ospedali, caserme, convitti, educandati, seminari, case di cura, orfanotrofi e caserme.

Per poter essere inclusi nel provvedimento del Superbonus Semplificato, questi tipi di edifici devono rispettare dei requisiti specifici aggiuntivi dedicati a questo tipo particolare di struttura, che riguardano prima di tutto la catalogazione dell’intervento di ristrutturazione all’interno di una prestazione assistenziale o di natura socio-sanitaria. Inoltre il CdA non dovrà percepire proventi dalla sua mansione e dovrà esibire un regolare certificato attestante la proprietà della struttura, o l’utilizo in comodato d’uso gratuito oppure l’usufrutto.

Informative Tecniche &amp Risorse Consulenziali


Vedi ulteriori informazioni relative al contenuto superbonus 110 proroga 2023

SuperBonus 110 Ultime Notizie – PROROGA UNIFAMILIARI: Il Documento di Economia e Finanza dice SI!

  • Fonte di informazioni: Ing. Marcello Contu
  • Information di pubblicazione: 2022-04-21
  • Rating: four ⭐ ( 5188 Rating )
  • Abbina risultati di ricerca: SuperBonus 110 Ultime Notizie – PROROGA UNIFAMILIARI: Il Documento di Economia e Finanzia dice SI!

    Buonasera a tutti e benvenuti in questo 54° video di Ultime Notizie sul SuperBonus, il nostro format di video brevi col quale ti teniamo aggiornato su ogni novità in tema SuperBonus!

    Finalmente i proprietari di abitazioni unifamiliari possono tirare un sospiro di sollievo…

    E’ infatti notizia di ieri che sia Camera che Senato hanno votato a favore della risoluzione di maggioranza e Governo sul DEF, il Documento di Economia e Finanza.

    Tra le tante azioni previste anche l’impegno alla proroga per le Unifamiliari: vediamo subito di cosa si tratta…

    Ciao sono l’Ing. Marcello Contu e in questo video ti mostrerò perché i proprietari delle unifamiliari, dopo aver perso il sonno per mesi, possono finalmente tirare un sospiro di sollievo.

    Infatti è su tutti i giornali la notizia che ieri, di mattina la Camera dei Deputati e in serata il Senato, hanno votato a favore della risoluzione di maggioranza e Governo sul DEF, il Documento di Economia e Finanza.

    [ Cos’è il DEF? ]

    Pur senza entrare in aspetti troppo tecnici, consentimi due parole per spiegarti cos’è il DEF – Documento di Economia e Finanza e cos’è questa fantomatica “risoluzione” votata ieri dai due rami del Parlamento.

    Il DEF è il principale documento per la programmazione finanziaria del nostro Stato e, ogni anno, viene elaborato e presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri e dal Ministro dell’economia e delle Finanze.

    Entro il ten aprile, il Governo trasmette il DEF al Parlamento, in modo che Camera e Senato si esprimano sui contenuti del documento.

    [ Cos’ha approvato ieri il Parlamento? ]

    Quindi ieri cos’è successo in Parlamento?

    Beh, ieri il Parlamento ha votato favorevolmente una “risoluzione” della maggioranza, contenente le indicazioni che il Governo dovrà rispettare nel preparare la legge di bilancio, nota anche come Legge Finanziaria.

    [ Le indicazioni del Parlamento per la Finanziaria 2023 ]

    Tra le varie indicazioni date dal Parlamento al Governo per la Legge Finanziaria il più interessante è certamente la PROROGA PER LE ABITAZIONI UNIFAMILIARI.

    Infatti il Parlamento chiede al Governo di (virgolette) “prorogare il termine attualmente previsto” che obbliga le abitazioni unifamiliari a completare almeno il 30% dei lavori entro il 30 giugno 2022.

    Ancora non si sa di quanto sarà spostato avanti questo termine ma, sulla base delle indiscrezioni raccolte, mi sento di:
    – Escludere che, come chiesto da tanti, si possa arrivare direttamente alla scadenza di fine 2022, eliminando questa verifica intermedia del 30% di avanzamento
    – E’ invece più probabile che il 30% di avanzamento dovrà essere raggiunto entro fine agosto, al massimo fine settembre.

    Al momento non possiamo ancora avere una information certa, ma ritengo che già questo sia un buon punto di riferimento per chi sta organizzando i suoi lavori di SuperBonus.

    [ Come si calcola il 30% di avanzamento? ]

    Finora in tanti hanno ripetuto che lo Stato non aveva detto chiaramente su cosa bisogna calcolare questo 30% di avanzamento dei lavori.

    Al contrario ho sempre ritenuto questo argomento sufficientemente chiaro, come ho potuto spiegarti in Reside e nei precedenti nostri video su questo tema.

    E il chiarimento contenuto nella risoluzione votata ieri in Parlamento ci dà ragione, poiché si legge (virgolette):
    “La percentuale del 30% dell’intervento complessivo” deve essere riferito “al complesso dei lavori e non ai singoli lavori oggetto dell’intervento”.

    Quindi se stai facendo un intervento di SuperEcoBonus e SuperSismaBonus, l’importante è che arrivi al 30% dell’intero lavoro e non sia al 30% del SuperEcoBonus che al 30% del SuperSismaBonus!

    Dato che ci siamo, ne approfitto per segnalarti qualche altra interessante indicazione information dal Parlamento al Governo per la predisposizione della Legge Finanziaria…

    IngMarcelloContu SuperBonus110 Ultimenotizie

    ********************************************************************

    🟢 Ogni Lunedì, Mercoledì e Giovedì alle 17 siamo in onda con le reside di Aperitivo al 110% per andare a fondo e fare chiarezza su diversi temi del SuperBonus.

    Per seguire le dirette iscriviti e seguimi su:

    CANALE YOUTUBE: http://bit.ly/IscrivitiAlMioCanaleYouTube

    GRUPPO FACEBOOK: https://bit.ly/GruppoIngMarcelloContu

    PAGINA FACEBOOK: http://bit.ly/PaginaFBIngMarcelloContu​

    INSTAGRAM: http://bit.ly/InstagramIngMarcelloContu​

    LINKEDIN: http://bit.ly/LinkedinIngMarcelloContu

    🏆 SUPERBONUS 110%

    Per affidare a noi la Progettazione e i Lavori del SB110 di casa tua, fai il primo passo e guarda il webinar: https://bit.ly/WebinarSB110

    ✅ Visita il mio Weblog:
    https://www.iltuoamicoimpiantista.com/

    ✅ Per lavorare con noi, clicca qu e candidatii:
    https://www.iltuoamicoimpiantista.com/lavora-con-noi/

    Un caro abbraccio
    Ing. Marcello Contu
    Il Tuo Ingegnere Preferito

Superbonus 110: proroga al 2023 anche per ville e villette

  • Fonte di informazioni: www.news110.it
  • Rating: five ⭐ ( 4493 Rating )
  • Abbina risultati di ricerca:

Superbonus 110, proroga 2023: scopri tutte le ultime notizie

  • Fonte di informazioni: ristrutturaconmade.it
  • Rating: five ⭐ ( 9086 Rating )
  • Abbina risultati di ricerca: Scopri tutte le novità sulla proroga 2023 del Superbonus 110: cosa cambia nel 2022, quando scade, requisiti, come richiederlo e quali bonus casa rimangono.

Superbonus 110%: proroga 2023, solo in detrazione?

  • Fonte di informazioni: www.edilizia.com
  • Rating: five ⭐ ( 7259 Rating )
  • Abbina risultati di ricerca:

Proroga Superbonus 110% al 2023: ecco cosa cambia

  • Fonte di informazioni: www.tatano.com
  • Rating: three ⭐ ( 9239 Rating )
  • Abbina risultati di ricerca: È ufficiale la proroga del Superbonus 110% al 2023. Beneficiari, scadenze: scopri tutte le novità sull’agevolazione che ci attendono nei prossimi anni.

Superbonus 110 nel Def. Il Governo si impegna alla proroga per le villette, è ufficiale

  • Fonte di informazioni: www.investireoggi.it
  • Rating: five ⭐ ( 9084 Rating )
  • Abbina risultati di ricerca: Nel Def l’impegno del Governo alla proroga per il termine che vincola il superbonus all’effettuazione del 30% dei lavori entro giugno

Superbonus 110% prorogato. Di che si tratta e a chi spetta: consulta la GUIDA e tutte le SCADENZE

  • Fonte di informazioni: gazzettadelsud.it
  • Rating: three ⭐ ( 8343 Rating )
  • Abbina risultati di ricerca: Il Superbonus è l’agevolazione fiscale disciplinata dall’articolo 119 del decreto legge n. 34/2020 (decreto Rilancio), che consiste in una detrazione del 110%…

Vedi altri articoli in questa categoria: Ricetta

See also  Top 15 search results fettine di melanzane al forno 2022